Joseph Maria Olbrich, Studi Internazionali Trento Ammissione, Verbo Coltivare Forma Passiva, La Vera Vite Frisina Accordi, Anello Monte Penice, Voto Di Laurea 80, Correlati" /> Joseph Maria Olbrich, Studi Internazionali Trento Ammissione, Verbo Coltivare Forma Passiva, La Vera Vite Frisina Accordi, Anello Monte Penice, Voto Di Laurea 80, Correlati" />
Senza categoria
le massime di don bosco
2 Febbraio 2021
0

XVII, BUONI * Io non voglio altro dai giovani, se non che si facciano buoni e siano sempre allegri. V,544. III,586-7. * Teniamoci sempre col Signore il quale è quello che guida ogni nostra azione e disponiamoci in modo che Egli non abbia a rimproverarci nel giorno in cui verrà a giudicare gli uomini. * Mi rallegro con Lei che manda il lume che le rischiarerà la vita per la beata eternità. * Il castigo deve essere un rimedio: ora noi dobbiamo aver fretta di lasciarlo quando abbiamo ottenuto il doppio scopo di allontanare il male e di impedire il ritorno. XVII, ASSISTENZA * Per carità, raccomando di non lasciare mai soli i giovani, ma di assisterli sempre, continuamente e dovunque. * Allegria, studio, pietà: questo è il grande programma, il quale praticato tu potrai vivere felice, e fare molto bene all anima tua. 527 n ANTIPATIE * Le spine per terra rappresentano le affezioni sensibili, le simpatie o antipatie umane che distraggono l educatore dal vero fine, lo feriscono, lo arrestano nella sua missione gli impediscono di procedere e raccogliere corone per la vita eterna. * Quando sappia che il demonio cesserà dall insidiare le anime, io pure cesserò dal cercare nuovi mezzi per salvarle dai suoi inganni e dalle sue insidie. XVII,198. * Soffri volentieri qualche cosa per quel Dio, che tanto sofferse per te. III,167. Le Massime di Don Bosco 1. * Perché sia dolce questo abitare insieme, bisogna togliere ogni invidia, ogni gelosia: bisogna amarci come fratelli, sopportarci gli uni gli altri, aiutarci, soccorrerci, stimarci, compatirci. Uno solo è il mio desiderio, quello di vedervi felici nel tempo e nell eternità. * La castità è l ornamento del cristiano. * Noi abbiamo per massima che sempre, quando una cosa volge a bene delle anime, egli è certo che viene da Dio, e non può venire dal demonio. Amatevi gli uni gli altri, aiutatevi gli uni gli altri caritatevolmente non succeda mai che alcuno tenga astio contro il suo fratello, e lo screditi con parole sconvenienti. XII,16. Il povero non è meno altero del ricco, anzi è più violento. Io pongo tutto ciò che è in me, il resto lo lascio al Signore. * Mettere gli allievi nella impossibilità di commettere mancanze. XIV,52. XVIII,308. * Noi vogliamo anime e non altro. Le massime di don Bosco. * Per questi giovani (orfani, abbandonati), farò qualunque sacrificio: anche il mio sangue darei volentieri per salvarli. ... DON BOSCO CHE RIDE. Come sto al presente al cospetto del Signore? * Tesori dei giovani sono castigate parole e caste azioni. XII,456. XVIII,860. * Divenuti membra del santissimo Corpo di Gesù, dobbiamo tenerci a Lui strettamente uniti, non in astratto, ma in concreto, nel credere e nell operare. Pastorale Giovanile Italia. IV,300. E' il 1858 don Bosco si reca a Roma, per presentare la sua opera al Papa Pio IX. * Il sistema preventivo è la carità, il santo timor di Dio infuso nei cuori. * Trattandosi di giovani che vogliono entrare come ascritti nella Congregazione Salesiana, e specialmente se come chierici, si venga a parlare in tutta confidenza della moralità. IV,552. * Non tutti possono digiunare, intraprendere lunghi viaggi per la gloria di Dio, non tutti fare ricche elemosine, ma tutti possono amare Dio; basta volerlo. L essere buoni consiste in ciò: nell avere volontà di correggersi. III,35. Le sole buone opere sono le vere ricchezze che ci preparano un posto lassù in cielo. Le massime di don Bosco 2 visualizza scarica. XIII,919. XII,149. Il 18 dicembre 1859 nasce ufficialmente la Congregazione Salesiana. PREMESSA L idea del presente lavoro è sorta a D. ERNESTO FOGLIO, quando stava compilando l Indice Analitico delle MEMORIE BIOGRAFICHE. * Nel lavorare per le anime vale tanto un oncia di pietà, quanto cento miriagrammi di scienza. * La mancanza di umiltà è sempre a danno dell unità di un collegio, per amor proprio di un superiore, andrà in rovina. XII,561. 558, n.152. Manuale sussidiario per insegnare il Vangelo, ENCICLICA NON ABBIAMO BISOGNO DI S.S. PIO XI SULLA SITUAZIONE NELL ITALIA FASCISTA. https://www.apesocialwear.com/blog/dieci-frasi-piu-belle-don-bosco Le massime di Don Bosco 1) A tutti si raccomanda caldamente dal guardarsi attentamente dal contrarre abitudini di qualsiasi genere, anche di cose indifferenti. Fu suo desiderio quello di fermare il pensiero di D. Bosco nei punti più caratteristici di ogni argomento, vendo di mira di giovare ai giovani Salesiani. III,166. II,72. * Tra di voi...mai e poi mai vi siano di quelle amicizie che purtroppo si fanno per darsi scandalo a vicenda, per fare discorsi cattivi, per essere assassini dell anima uno dell altro. 15 * Tutto il bene che gli altri faranno per causa nostra, accrescerà lo splendore della gloria nostra in Paradiso. IX,627 * Uomo allegro il cielo l aiuta. XIII,723. XI,443. Dona il tuo 5x1000. Io non chiedo che le vostre anime, non desidero che il vostro bene spirituale. * Maria ci guidi tutti per la strada del cielo. IX,708. Se c è questa vi è tutto. * Sono d aggravio alla Congregazione coloro che non osservano fino allo scrupolo la vita della castità senza la quale può uno solo essere cagione di rovina alla Congregazione intera. VIII,131. XI,293 * Io sono persuaso che una muta di esercizi spirituali porterebbe ottimi effetti se portasse il salesiano alla recita esatta della Messa e del breviario. 16 * Le cose che sogliono allontanare il giovane dalla virtù sono i cattivi compagni, l eccesso del bere, l attaccamento al giuoco, l abitudine al fumare tabacco. XIII,800. * Non è buon membro della Società quello che non è disposto a sacrificare se stesso per salvare il corpo. III,95. I,442 * Cerca col buon esempio e colla parola si salvare anime anche in quello stato che il Signore ti destina. XV,604. VI,933. VII,292. * La carità è ingegnosa nel trovare sempre argomento di lode. * Una volta poteva bastare l unirsi insieme nella preghiera; ma oggi che sono tanti i mezzi di pervertimento, soprattutto a danno della gioventù di ambo i sessi, è mestieri unirsi nel campo dell azione e operare. XVII,260. * Dà sempre grande importanza alle cose che fai. III,35. (Foglizzo, 1945). Scrivi, o figlio mio, nel cuore il detto mio: Fallace è il mondo, il vero amico è Dio. XIX,282. Le massime di Don Bosco in pdf scaricabile gratuitamente. * La castità è la virtù, secondo me, base di tutte, che deve servire di fondamento pratico di tutto l edificio religioso. XII,41. X,81. * Fa che tutti quelli a cui parli, diventino tuoi amici. invocatelo ed io vi assicuro che esso vi assisterà e vi * Se vi troverete in qualche pericolo di anima e di corpo libererà. IV,300. * 11 L eccesso del bere snerva le forze del corpo, fa venire a noia la devozione, porge occasione di frequentare luoghi pericolosi. XIII,422. * Ciò che deve distinguerci fra gli altri, ciò che deve essere il carattere della nostra congregazione è la virtù della castità: che tutti ci sforziamo di possedere perfettamente questa virtù e di inculcarla, di piantarla nel cuore altrui. * Studia di farti amare, prima di farti temere. XVII, AMORE * Amore per tutti, per condurre tutti al Signore. * La frequente confessione e comunione, la regolare vigilanza di chi deve assistere saranno grandi mezzi preventivi (a custodire la moralità). * Figlio, hai un anima sola, pensa a salvarla. VIII,226. * Voi farete la cosa più cara al mondo se mi aiuterete a salvare la vostra anima. * Lasciamoci sempre guidare dalla verità. * Io non lascio mai di fare un opera che so essere buona e da farsi, per quanto siano numerose e grandi le difficoltà che mi si presentano. IX,3,54. * Aiutami a salvare molte anime, e prima la tua. * Talvolta pensate agli avvisi che il confessore vi diede nell ultima confessione. XVIII, * La Madonna vuole che la onoriamo sotto il titolo di Maria Ausiliatrice. L’estensore ha creduto bene di limitarsi alle citazioni della parola dono rare le citazioni che non siano di D. Bosco, ma sono state inserite, é D. Bosco le fece sue. VII,675. Aveva promesso di annunciare qualcosa di nuovo per l'anno nuovo. Nelle loro mani sta loro sorte temporale ed eterna. Salva il mio nome, email e sito web per il prossimo commento. AFFEZIONI * Le spine per terra rappresentano le affezioni sensibili, le simpatie o antipatie umane che distraggono l educatore dal vero fine, lo feriscono, lo arrestano nella sua missione, gli impediscono di procedere e raccogliere corone per la vita eterna. * Due cose vi son che non si combattono e non si vincono mai troppo: la nostra carne e gli umani rispetti. facciamo anche noi un sacrificio in suo favore. * Non è giusto che goda la carità altrui chi può vivere del suo. Si prenda quello che si può. 11 * (sogno) Predichi a tutti, grandi e piccoli che si ricordino sempre che sono figli di Maria SS. (Mamma Margherita) I,373. 300 Visualizzazioni. * Operate oggi in modo che non abbiate ad arrossire domani. * Si vis amari, esto amabilis. * Miei carissimi figlioli in Gesù Cristo, vicino e lontano io penso sempre a voi. * I giovani...si prestano docili a tutto ciò...che vuol comandare colui dal quale sono certi di essere amati. Noviziato Salesiano di Genzano di Roma. XVII,271. VII,404. IX,217. * Era norma di Don Bosco che dove si poteva fare tutto, si facesse almeno il poco fattibile XII,207. * Assassini dell anima sono coloro che vanno insieme per fare del male. 13 * I giovani devono fare come i ballerini sulla corda. * La familiarità porta affetto e l affetto porta confidenza. VII,687. IV,516. Pagina 1/2 Don Bosco - Aforismi Frasi e Pensieri Fondatore delle congregazioni dei Salesiani e delle Figlie di Maria Ausiliatrice (Castelnuovo d'Asti, 16 Agosto 1815 - Torino, 31 Gennaio1888) XVII,258. IX,769. XVII,367. Che cosa ho fatto per il passato per l anima mia? * Ho piena fiducia che Maria Ausiliatrice otterrà largo compenso alla sua carità. IX,703. * La castità deve essere il perno di tutte le nostre azioni. Le massime di Don Bosco. PREMESSA L idea del presente lavoro è sorta a D. ERNESTO FOGLIO, quando stava compilando l Indice Analitico delle MEMORIE BIOGRAFICHE. II,525 * Colla carità e con la mortificazione tutto supererete e giungerete alle rose senza spine. Sm. VI,328. * Quando noi non potessimo fare il catechismo ai poveri giovanetti, conduciamoli ove altri li istruiranno. XIII,85. Sm. * I maestri, i capi d arte, gli assistenti studino di evitare come la peste ogni sorta di affezione o amicizie particolari con gli allievi, e ricordino che il traviamento di uno solo può compromettere un Istituto educativo. XIII,283. * Il bene è meglio farlo presto che tardi. Una mattina stavo passeggiando per gli ambulacri del sisto, quando incontrai un tale, insieme ad altri, che mi disse: Buongiomo, filosofo. * Riguardo ai castighi opportune et importune si insista, perché sia praticato il sistema preventivo. XII,21. X,1041. * Per essere a Lei cari bisogna accostarsi con frequenza ai Sacramenti. Il 25 marzo 1855 Michele Rua fa voto di povertà, castità e obbedienza nelle mani di don Bosco. XII,575. III,108. XII,426. Dio è con noi. * Niente ti turbi: tutto passa, ciò che non è eterno, è niente. Seguici su. Allontana questo flagello e vedrai prosperare la Congregazione. I,475. XIII,91. (Raymond Carver) Troverai più nei boschi che nei libri. VI,389. X,35. 14 * Non dobbiamo mai lasciarci sfuggire un occasione che il Signore ci presenta per fare del bene. * Se desiderate cominciare bene bisogna che ciascuno incominci a mettersi in grazia di Dio. * Avvisi e norme per gli Assistenti: IV,567; V,164; VI,68-70; VII,508; VIII,490; X, ,1103; XIV,838; XVII,112; * Gli Assistenti siano delicati verso i loro dipendenti. VI,694. XVI, ANGELO CUSTODE * Ricordati che hai un Angelo per compagno, custode ed amico. I CLASSICI DELLA SPIRITUALITÀ IGNAZIANA DI CLAUDIO ACQUAVIVA S.I. XII,447. VIII,438. Pagina 1/2 XV,176. * Senza affezioni è inutile il ministero dell educatore. * Sono i vincoli della carità che ci tengono ovunque stretti nel Signore sicché amorevolmente ci soccorriamo gli uni gli altri. * Non parlare male o scherzare sulle cose che sono care ai giovani (patria, vestito, condizione sociale, nome, fisionomia,...). IV,439. XVIII,267. VIII,830. XII,630. * (Norme: Degli Artigiani) Indirizzo religioso - morale, intellettuale, professionale XVIII, ASPIRANTI * Norme per l accettazione degli Aspiranti: XI,268-9; XII, * Prima di tutto è da intendere bene che cosa voglia dire aspirante per la nostra Congregazione. III,166. X,1088. XIII, BEFFE * Guardatevi di beffare o di parlar male di tutto ciò che riguarda il culto di Dio. La misericordia: cammino di riconciliazione con Dio, con noi stessi e con gli altri in Santa Faustina Kowalska. 7 * L amore fa sopportare ai Superiori le fatiche, le noie, le ingratitudini, i disturbi, le mancanze, le negligenze dei giovanetti. Poi avvenga quel che vuole. Libro di Beltrami Sac. È stato canonizzato da Papa Pio XI nel 1934. * Quanto è mai bello l amore congiunto alla carità. Le più belle frasi di San Giovanni Bosco, aforismi e citazioni selezionate da Frasi Celebri .it . IX,736. VI,114. https://www.apesocialwear.com/blog/dieci-frasi-piu-belle-don-bosco IX,705. XVII,113. XVI,360. Il demonio lavora senza tregua per riuscire a perderle, e noi lavoriamo senza posa a preservarle. * Non è giusto che viva della carità altrui chi può vivere del suo. (Foglizzo, 1945). XI,458. * Il demonio ha paura della gente allegra. 17 * Nelle contraddizioni principale rimedio è la tranquillità e la carità. XVIII,621. * 12 L attaccamento al gioco vi conduce alle risse, alle bestemmie, al trasgredire i vostri doveri e a profanare i giorni festivi. E per amare i Salesiani, bisogna amare molto le anime! IX,996. XIII,88 * Io vi raccomando che procuriate di fuggire e di impedire le mormorazioni; cioè che vi dimostriate sempre contenti delle cose come sono disposte. IX,355. alla salute dell anima. * Invoca il tuo Angelo nelle tentazioni. * La Vergine SS.ma vi tenga sempre sotto la sua protezione. XIII,412. XII,625. IV,736. XI,574. VI,585. VI,773. * Il vestire l abito chiericale di per sé rappresenta la rinuncia al mondo e ai suoi allettamenti. * È difficile trovare leviti nelle agiatezze; perciò si cerchino con massima sollecitudine tra la zappa e tra il martello. * Avvisi ai chierici, Maestri, Superiori ed Assistenti: III,613-17; 68-70; ; 890; IX,384; 455, 922; VIII,980; XIV,838. Nessuno può immaginare come i giovani restino offesi da certe frasi e come nel cuore si ricordino per molto tempo di ciò che essi chiamano offesa. * Colui che dà buoni consigli ai suoi compagni fa grande opera di carità. XII,224. * Chi lavora per salvare le anime salva la sua propria. Andrea, Massime del Santo Don Bosco, dell'editore Edizioni Segno. 18 cosa essenzialissima alla nostra società; perché se vogliamo fare del bene nel mondo è necessario che siamo uniti fra noi e godiamo l altrui riputazione... Difendiamoci a vicenda; crediamo nostro l onore ed il bene della Società: ed abbiamo per fermo che non è un buon membro quello che non è disposto a sacrificare se stesso per salvare il corpo. XIII,85. Al contrario guai a noi se ne prendiamo delle cattive. XII,629. ... citazioni e aforismi di San Giovanni Bosco. VI,245. X,188. * Non sono le frequenti confessioni che fanno buoni, ma il frutto che si ricava dalle confessioni. E quelle che si dice delle autorità civili, si dica assai più dell autorità ecclesiastica. Non si guardi a nessun interesse corporale, quando si tratta di fare del bene. * (Ai giovani di Lanzo). XII,575. * Allegria, preghiera e santa comunione sono i nostri sostegni. * Soffri tutto, ma non rompere la carità. * Accanto alla chiesa dedicata all apostolo della carità occorreva un ospizio, perché si potesse dire: ecco la carità pratica, ecco come si onora l apostolo della carità. * Nella mia esperienza (di educatore) ho sovente incontrato certi animi così caparbi, così restii... che furono piegati solamente dalla carità. XVII,272. * Il lavoro agli artigiani lo danno gli studenti. * È Dio che vuol fare e noi dobbiamo pregarlo che abbia la bontà di servirsi di noi. VIII,752. In punto di morte quello che darà contentezza sarà il bene fatto, e tutte le altre cose non daranno che angustie. Gloria Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Le massime di Don Bosco / The maximum of Don Bosco. IV,570. * O Maria, Virgo potens, tu magnum et praeclarum in Ecclesia praesidium: tu singulare Auxilium Chrstianorum; tu terribilis ut castrorum acies ordinata, tu cunctas hereses sola interemisti in universo mundo: tu in angustiis, tu in bello, tu in necessitatibus nos ab oste protege, atque in aeterna gaudia in mortis hora suscipe. * La carità infiammata fa tenere in non cale ogni cosa. * L essere buoni non consiste nel non commettere mancanza alcuna: oh no! * Quando Don Bosco può, si fa un piacere di essere utile agli sltri. VII,792. II,27. * Per fare il bene i mondani incontrano ogni giorno difficoltà maggiori. * Le sole buone opere sono le vere ricchezze che ci preparano un posto lassù in cielo. * Per fare del bene bisogna avere un po di coraggio, essere pronti a soffrire qualunque mortificazione, non mortificare mai nessuno, essere sempre amorevole. Seguici su. La presente pagina intende raccogliere le massime, i motti direttamente pronunciati da Don Bosco … le massime di don bosco indice abito abitudini 10 abusi 10 accettazione 10 affari 11 affetto 11 affezioni 11 * Si faccia uso dei castighi negativi, e sempre in modo che coloro che siano avvisati diventino amici nostri più di prima e non partano mai avviliti da noi. * Ai carissimi artigiani...la mia affezione è fondata sul desiderio che ho di salvare le vostre anime. Anzi quanto più l età è avanzata, tanto più è raffinata la malizia. * Le piaghe di famiglia si devono medicare e non amputare. * Siate lenti nel giudicare. * A Dio non piacciono le cose fatte per forza. Jacques Philippe ALLA SCUOLA DELLO SPIRITO SANTO EDIZIONI DEHONIANE BOLOGNA Titolo originale dell opera: A l Ecole de VEsprit-Saint Traduzione dal francese di Mariarosaria Spagnolo Edizioni Dehoniane, «Anche a te una spada trafiggerà l anima» (Lc 2, 35) «A Gerusalemme c era un uomo di nome Simeone, uomo giusto e timorato di Dio, che aspettava il conforto d Israele; lo Spirito Santo che era sopra di, CELEBRAZIONE D APERTURA DELL ANNO DELLA VITA CONSACRATA Veglia di preghiera Basilica papale Santa Maria Maggiore 29 novembre 2014 La processione d ingresso si snoda con 50 consacrati e consacrate che recano, Maria Valtorta LEZIONI SULL'EPISTOLA DI PAOLO AI ROMANI CENTRO EDITORIALE VALTORTIANO INDICE GENERALE Testo dell Epistola di Paolo ai Romani 7-32 Lezioni sull Epistola di Paolo ai Romani 33-286 Indice, «Non sia fatta la mia, ma la tua volontà» (Lc 22, 42) «Uscito se ne andò, come al solito, al monte degli Ulivi; anche i discepoli lo seguirono. * (Coi fuorusciti) don Bosco raccomandò di usare sempre con essi tutti i riguardi possibili. * Chi vuol lavorare con frutto, deve tenere la carità nel cuore, e praticare la pazienza con l opera. 12 * 7 Guardatevi dalla lettura dei libri e dei fogli cattivi e procurate di leggerne dei buoni. III,95 * Carità, pazienza vicendevole nel sopportare i difetti altrui, sono cose a tutti caldamente raccomandate, e senza di esse non si riuscirà a mantenere l ordine, promuovere la gloria di Dio e il bene delle anime. XV,95. IV,184; XII,21; XIII,398. Essi tengono in mano il piombino e poi camminano senza guardare né a destra, né a sinistra. S. Filippo Neri, quel grande amico della gioventù, esortava i giovani a confessarsi ogni otto giorni e a comunicarsi anche più spesso, secondo gli avvisi del confessore. IX,705 * La carità, la castità, 1 umiltà sono tre regine che vanno sempre insieme; una non può esistere senza le altre. XVIII,177. * Parlando della convenienza di dare alle opere buone la massima pubblicità, diceva: Questo è l unico mezzo per farle conoscere e sostenerle. XII,257. XII,468. XII,286. XVI,446. * Ciò che deve distinguere la nostra Società è la castità. * Iddio merita di essere amato, perché ci ha creati, ci ha redenti e ci ha fatto e ci fa innumerevoli benefici e tiene preparato un premio eterno a chi osserva la sua legge. * Ricordatevi che sarà per voi sempre una bella giornata, quando vi riesce vincere coi benefizi un nemico o farvi un amico XVII, AMICIZIA * Non coltivate l amicizia di coloro che parlano male dei vostri Superiori, o che cercano di allontanarvi dai vostri doveri. VII,494. Le 25 più belle frasi di Don Bosco sui Giovani e per i Giovani Frasi di Don Bosco sulla vita, in particolare aforismi sull'educazione e citazioni celebri riguardanti l'allegria e il comportamento dei giovani, preghiera per l'oratorio. VIII,37 * I consigli dei tuoi superiori siano regola delle tue azioni. * Ecco quello che dobbiamo fare noi nella festa di Maria Ausiliatrice: ripulire i nostri cuori con buone confessioni e offrirli, anzi attaccarli a Maria SS.ma, perché stiano sempre vicino a Gesù, e ciò ottenere con frequenti e fervorose Comunioni. Pazienza e preghiera. XII,392. XII,15. Vince in bono malum, e poi stiamo allegri e uniti con Dio. X,694. La prima è che conviene seguire la tattica di San Paolo: provare tutti e tenere solamente i buoni: perciò si usi larghezza nell accettare. 20 * Il nostro castigo sia di natura da rendere migliore. XI,233. Currently /5; Per votare devi eseguire l'accesso: puoi farlo cliccando qui. * Oggi oltre al pregare, che non deve mancare mai, bisogna operare, intensamente operare; se non si corre alla rovina. VI,442. IV, * Che regola tenere nell infliggere castighi? XVII,556. * Operai che lavorano nella vigna del Signore s intendono tutti coloro che in qualche modo concorrono alla salvezza delle anime. * Da noi, chi viene già adulto, è bene che si faccia lavorare molto da principio; così più facilmente acquistano lo spirito della Congregazione, se non altro si guadagnano il pane che mangiano. * Prima carità è quella usata all anima propria. * Guai a noi se coloro dai quali attendiamo carità potranno dire che teniamo vita più agiata della vita loro. * (Don Berto). XVIII, * Testamento spirituale di Don Bosco per i benefattori. VII,48 * Il miglior consiglio si è di far bene quanto possiamo e poi non aspettarci la mercede dal mondo, ma da Dio solo. XVI,32 * Tutto il bene che gli altri faranno per causa nostra, accrescerà lo splendore della nostra gloria in Paradiso. VII,19 * La calma senza alcuna acrimonia, toglie o diminuisce di molto un impressione disgustosa. Sono rare le citazioni che non siano di D. Bosco, ma sono state inserite, é D. Bosco le fece sue. IX,574. XVII,464. VI,890. XI,522. XVII,309. BIBLIOTECA MARIANA - VOL 6 - 10. * L esperienza ha fatto conoscere che ordinariamente la gioventù prima dei dodici anno non è capace di fare né gran bene, neppure gran male, e passati i 18 anni riesce assai difficile il far deporre abitudini altrove formate per uniformarsi ad un nuovo regolamento di vita. * Ama i tuoi doveri se desideri di bene adempierli. XVIII * Le cose bisogna farle come conviene, o non farle. XVII,659 * Nelle accettazioni stiamo bene attenti a non lasciarci ingannare da benevolenze o da malevolenze; non sia norma per accettare o rifiutare qualcuno l inclinazione personale del votante. * Intendo di raccomandarvi queste sere che vi tenute lontani da ogni abitudine, intendo parlare di ogni abitudine cattiva o indifferente, ma in qualche modo dannosa. 8 * Il programma di questa casa sta scritto nella mia camera: Da mihi animas, coetera tolle. XI,279. * Guardatevi bene dalle relazioni, amicizie, conversazioni geniali o particolari. X,1183. * Oh quante anime salverà Maria Ausiliatrice per mezzo dei Salesiani. III,607. IV,289. * Non creiamoci necessità. * La carità è quella che distingue i figlioli di Dio dai figlioli del demonio e del mondo. Dopo le preghiere della sera, il 2 gennaio 1862, i giovani, in silenzio, attesero don Bosco. Aspirante è chi desidera ritirarsi dal mondo e viene per vedere che cosa qui si faccia, se la vita nostra è conforme alla natura sua, in una parola se la Congregazione gli piace o no. XIV,383. In tali casi si è segnalata la fonte.Queste Massime vogliono avere lo scopo soltanto di far conoscere, amare e far amare D. Bosco. Don Bosco - Aforismi Frasi e Pensieri Fondatore delle congregazioni dei Salesiani e delle Figlie di Maria Ausiliatrice (Castelnuovo d'Asti, 16 Agosto 1815 - Torino, 31 Gennaio1888) * Niente ti turbi. coppia". VI,442. * 8 Le abitudini formate in gioventù, per lo più durano tutta la vita; se sono buone ci conducono alla virtù e ci danno morale certezza di salvarci; al contrario guai a noi se ne prendiamo delle cattive. * La Chiesa di Maria Ausiliatrice possiamo chiamarla Casa di Maria e Casa che Ella medesima si è edificata: Aedificavit sibi domum Maria.

Joseph Maria Olbrich, Studi Internazionali Trento Ammissione, Verbo Coltivare Forma Passiva, La Vera Vite Frisina Accordi, Anello Monte Penice, Voto Di Laurea 80,

Lascia un commento